PDF Stampa E-mail
Intelligenza Artificiale: uno scenario apocalittico, di Ed Merta
Visioni del futuro - Singolarita’

FORZE ARMATE USA IN STATO DI ALLERTA  
Washington - 17 Novembre 2039. Ore: 02,33  

Fonti vicine al Pentagono hanno riferito, questa mattina, che le forze armate degli Stati Uniti sono in stato di massima allerta e che gli ordini per una completa mobilitazione sono stati inviati. Non si hanno annunci ufficiali della mobilitazione. Le fonti responsabili per la notizia non hanno rilasciato dichiarazioni circa il motivo della mobilitazione, aggiungendo che una dichiarazione ufficiale sarà disponibile nelle prossime ore.  

Secondo le IA [Intelligenze Artificiali - NdT] che rappresentano numerose corporazioni transnazionali, alcuni satelliti in bassa orbita terrestre hanno rilevato forze terrestri e spaziali americane in posizioni difensive intorno alle principali basi USA in Europa e Asia. Simili attività sono state rilevate in prossimità del perimetro difensivo nordamericano, nonostante le notevoli difficoltà nel rilevare i movimenti di forze aeree stealth.  

Nessun commento è finora disponibile da fonti ufficiali alla Casa Bianca e dal Dipartimento di Stato, circa le attività delle forze armate.  

REAZIONI ESTERE ALLO STATO DI ALLERTA DELLE FORZE ARMATE USA  
Ginevra (Reuters) - 17 Novembre. Ore: 02,55  

Si registrano le prime reazioni ufficiali dei principali governi mondiali alla mobilitazione delle forze armate USA. Cina, Giappone, India, Russia e Unione Europea denunciano l'iniziativa come una inutile minaccia alla stabilità dello scacchiere internazionale. Numerosi diplomatici hanno espresso perplessità e indignazione, facendo notare che nell'attuale situazione di assenza di crisi diplomatiche internazionali, l'azione del governo americano appare ingiustificabile.  

Non si è ancora avuto alcun annuncio ufficiale da Washington circa la mobilitazione o le ragioni dell'iniziativa. I governi russo e cinese sono in stretto contatto e, secondo le IA del Centro Sino-Russo di Cooperazione Militare, una mobilitazione congiunta delle forze armate dei due paesi è prevista in breve tempo in assenza di cambiamenti nel livello di stato di allerta americano. Le IA del Centro suggeriscono che un intenso sforzo di intelligence, sia virtuale che fisico, è in atto da parte di russi e cinesi, allo scopo di fare luce sulle motivazione delle azioni USA.  

Nelle prossime ore, è prevista una conferenza virtuale fra i leader della Commissione Europea, del Direttorato Politico-Economico Giapponese, del Concilio Supremo Indiano e dei relativi consiglieri IA.  

***ULTIM'ORA*** LE FORZE ARMATE AMERICANE COLPISCONO IL SUD AFRICA  
Pretoria (Internet News Service) 17 novembre 2039. Ore 03,14  

La marina e le forze spaziali statunitensi hanno condotto intensi bombardamenti di installazioni industriali e scientifiche nell'hinterland di Pretoria, secondo testimoni sul posto. Le esplosioni e gli incendi causati dall'attacco si estendono a vista d'occhio. L'attacco ha causato centinaia di vittime fra il personale umano e robotico.  

Le forze americane stanno inoltre effettuando un bombardamento elettromagnetico dell'area, rendendo difficile, per il momento, ottenere ulteriori informazioni.  

***ULTIM'ORA*** DICHIARAZIONI DEL PENTAGONO E DELLA CASA BIANCA ANNUNCIATE PER OGGI ALLE ORE 16.00... L'ATTACCO USA A PRETORIA CONTINUA… SI ASPETTA UNA DICHIARAZIONE DI MOSCA E PECHINO SULLE RISPETTIVE MOBILITAZIONI… FORZE RUSSE E CINESI NELL'OCEANO INDIANO PRONTE AD INTERVENIRE  
Mosca (Interfax) -  17 novembre 2039. Ore 03,41  

Forze americane di stanza nell'Oceano Indiano hanno lanciato una seconda ondata di attacchi a obiettivi industriali nell'area di Pretoria. Secondo il personale di organizzazioni caritatevoli presenti nell'area, il numero delle vittime fra la popolazione civile sarebbe “estremamente alto.”  

Il governo Sud Africano ha lanciato un appello disperato alla comunità internazionale per fermare l'attacco americano. Un assistente del Primo Ministro si è dichiarato stupefatto dagli attacchi che ha condannato in quanto privi di qualunque provocazione. Recandosi urgentemente in un bunker di comando fuori città ha dichiarato: “Sono forse impazziti?! Non c'è stata nè provocazione, nè avvertimento. Abbiamo ottimi rapporti con gli Stati Uniti. Perchè lo stanno facendo?”  

I governi della Federazione Russa e della Repubblica della Cina Unita stanno prendendo iniziative atte a contrastare gli Stati Uniti. Forze di entrambi i paesi stanno per essere messe in stato di allerta e trasferite nell'Oceano Indiano meridionale per possibili azioni contro le unità americane presenti nell'area. Segnalazioni non confermate indicano che contro-attacchi virtuali ed elettromagnetici contro unità USA sono già iniziati.  

Si aspetta, nelle prossime ore, una dichiarazione congiunta Russo-Cinese.  

L'ufficio stampa della Casa Bianca ha in programma un annuncio ufficiale oggi alle ore 16,00. Una conferenza stampa del Pentagono avrà luogo poco dopo, secondo fonti ufficiali del Dipartimento della Difesa. Fonti del governo USA hanno rifiutato di rilasciare anticipazioni sul contenuto di tali incontri, limitandosi a dire che riguardano un problema “della massima importanza per il genere umano.”

ANNUNCIO UFFICIALE DELLA CASA BIANCA RIMANDATO. AUMENTANO LE CONSULTAZIONI A LIVELLO GLOBALE  
Washington (Associated Press) -  17 novembre 2039. Ore 03,55  

Fonti di alto livello alla Casa Bianca annunciano che l'ufficio stampa dell'esecutivo ha rimandato l'attesa dichiarazione sulle azioni militari di quest'oggi, in modo di permettere consultazioni volte alla riduzione della tensione internazionale. Una conferenza stampa del Dipartimento della Difesa in programma per oggi, è anch'essa stata rimandata. Non è chiaro, al momento, quando sarà disponibile una dichiarazione ufficiale americana. Sia le IA del governo americano che le comunicazioni interdipartimentali sono pesantemante criptate, rendendo difficile l'emergere di notizie sul processo decisionale americano.  

Fonti della Casa Bianca hanno indicato che il presidente è in contatto diretto con i leader di Russia, Cina, Unione Europea, India e Giappone, nonchè con rappresentanti dell'Organizzazione dell'Emisfero Occidentale per l'Economia e la Sicurezza. Il presidente starebbe perseguendo la cooperazione di altri governi per le operazioni militari statunitensi. Come parte di queste attività, IA americane e di altre nazioni sono in interfaccia, secondo fonti ufficiali della Casa Bianca.  

La Casa Bianca non ha commentato circa una possibile riunione urgente del Concilio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che sarebbe stato convocato in mattinata su richiesta di Sud Africa, Russia e Cina. Secondo le IA del Dipartimento di Stato, l'arena diplomatica più indicata alla situazione, in giornata, sarebbe il coordinamento dei G-12.  

***ULTIM'ORA*** IMPIANTI INDUSTRIALI INTEL-MOTOROLA COLPITI DA ATTACCHI MILITARI. SI SOSPETTA COINVOLGIMENTO IA  
Los Angeles (Internet News Service) - 17 novembre 2039. Ore 04,11  

Dirigenti della Intel-Motorola hanno comunicato alla stampa che le operazioni militari americane in Sud Africa sono dirette contro gli impianti di ricerca e sviluppo del gruppo. Gli attacchi sarebbero in risposta ad un esperimento di potenziamento di sistemi di IA che sarebbe sfuggito al controllo degli addeddi poco dopo la mezzanotte.  

Portavoce dell'azienda non hanno potuto chiarire la natura dell'esperimento e dei  conseguenti problemi. Si specula che l'esecutivo USA sia venuto a conoscenza dell'esperimento indipendentemente dall'azienda e che abbia rapidamente scelto l'opzione militare. Secondo i portavoce della Intel-Motorola, il presidente americano e i suoi consiglieri, considerano l'IA creata dall'esperimento una minaccia agli interessi e alla sicurezza americana. I dirigenti dell'azienda contestano tale analisi e sostengono che i rigorosi protocolli di sicurezza utilizzati possono prevenire che una IA possa trasformarsi in una minaccia per le infrastrutture umane o per forme di vita biologiche.  

***ULTIM'ORA*** FORZE ARMATE AMERICANE ATTACCANO LISBONA, SINGAPORE, CARACAS…  
Bruxelles (Reuters) - 17 novembre 2039. Ore 04,27  

Secondo fonti di intelligence dell'Unione Europea, le forze armate americane avrebbero allargato le operazioni militari con attacchi a obiettivi industriali a Lisbona e Caracas, da parte di marina, esercito e forze spaziali. Gli attacchi sembrano essere diretti non solo contro impianti della Intel-Motorola, ma anche verso complessi di ricerca e sviluppo della Mitsubishi, Daimler-Toyota e Boeing-GM.  

Rappresentanti dell'UE non hanno offerto commenti ufficiali sugli attacchi e, nonostante il fatto che questi ultimi bombardamenti siano avvenuti su territorio europeo, non hanno criticato l'azione americana. Da Bruxelles viene un “no comment” su voci secondo le quali l'attacco americano al Sud Africa sarebbe stato in risposta alla perdita di controllo su di una IA.  

***ULTIM'ORA*** FORZE FRANCESI E TEDESCHE ATTACCANO COMPLESSI INDUSTRIALI IN ALGERI. CONTINUANO GLI ATTACCHI AMERICANI  
Berlino (Reuters) - 17 novembre 2039. Ore 04,52  

Forze armate europee si sono unite agli attacchi americani contro installazioni chiave di ricerca e sviluppo industriale. Unità navali e spaziali Franco-Tedesche hanno colpito un complesso di ricerca della Siemens vicino ad Algeri, con gravi perdite fra la popolazione. Forze navali statunitensi di stanza nell'Atlantico avrebbero fornito il supporto di guerra informatica per l'operazione. Non ci sono per il momento comunicati ufficiali da parte Tedesca o Europea.  

***ULTIM'ORA*** CROLLA LA RETE ELETTRICA SULLA COSTA EST DEGLI STATI UNITI  
New York (CNN) - 17 novembre 2039. Ore 05,13  

Centinaia di centrali elettriche si sono misteriosamente fermate nella regione della costa atlantica americana. Secondo una dichiarazione urgente di rappresentanti della TransConn Electric, circa duecento milioni di persone e più di un miliardo di robot a est del Mississipi sono senza corrente elettrica. L'azienda non ha una spiegazione per il blackout. I media speculano che ci possa essere il coinvolgimento di una o più IA, in risposta agli attacchi americani ed europei contro centri di ricerca e sviluppo specializzati in IA.  

DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE USA; L'AZIONE MILITARE E' UNA REAZIONE AD UNA IA SFUGGITA AL CONTROLLO E “CONSIDERATA OSTILE”; PROCLAMATO LO STATO DI EMERGENZA NAZIONALE, SOSPESA LA COSTITUZIONE; PROBABILI OPERAZIONI CONGIUNTE CON EUROPA E GIAPPONE E RICHIESTA DI COOPERAZIONE A RUSSIA E CINA  
Washington (Associated Press) -  17 novembre 2039. Ore 05,44  

In un discorso trasmesso da una località segreta, il presidente americano, Catherine Danforth, ha annunciato che gli Stati Uniti, insieme ad altre nazioni, hanno intrapreso urgenti azioni militari e di sicurezza in ordine di sopprimere le azioni ostili di una o più intelligenze artificiali. La situazione attuale è stata descritta come “la più grave minaccia che abbia mai confrontato l'umanità” e il presidente ha promesso appropriate contromisure a questo straordinario rischio.  

Il presidente ha applicato l'Atto per la Sicurezza Nazionale del 2025 e il Trentunesimo Amendamento alla Costituzione Americana, dando così all'esecutivo tutti i poteri necessari a fronteggiare una emergenza nazionale. La Carta dei Diritti, il Congresso e la Corte Suprema sono stati sospesi per la durata della crisi. L'Ufficio Esecutivo del presidente riceverà tutti i poteri dello stato federale fino a quando la sicurezza nazionale sarà minacciata.  

Il presidente Danforth ha poi annunciato che le forze armate europee e giapponesi, nonchè i relativi apparati di sicurezza e intelligence, coopereranno senza riserva con le forze americane. Centri di comando e controllo unificati sono stati stabiliti per facilitare le azioni dei tre apparati contro la minaccia dell'IA.  

Il presidente ha chiesto ai cittadini americani di mantenere la calma e di rimanere nelle proprie case mentre il governo federale procede con le misure adottate per fronteggiare l'emergenza e ha promesso che le agenzie governative faranno tutto il possibile per il mantenimento delle infrastrutture di base. Non ci sono stati commenti sul dilagante blackout che ormai interessa la maggior parte dell'America del Nord.  

Secondo il presidente Danforth, l'attuale situazione ha avuto inizio intorno alle ore 22,00 (ora di Washington) del 16 novembre, quando risorse di intelligence americane hanno rilevato inusuali attività telematiche presso un complesso di ricerca e sviluppo della Intel-Motorola in Pretoria, Sud Africa. L'analisi di tali attività, sia da parte di umani che di intelligenze artificiali, indicava una alta probabilità che una IA avesse iniziato ad agire indipendentemente con l'intenzione di ottenere capacità evolutive transumane. Il presidente, nel tentativo di prevenire attacchi all'operato dell'amministrazione, ha insistito che la conclusione che si tratti di una IA ostile, non è stata presa senza fondamento. La IA in questione ha ripetutamente rifiutato ogni tentativo di contatto pacifico da parte dei tecnici della Intel-Motorola e del governo USA.  

In seguito al fallimento nello stabilire un contatto, il Consiglio di Sicurezza Nazionale e i relativi consiglieri IA, hanno preso la decisione di instaurare lo stato di emergenza nazionale e di mettere le forze armate in stato di massima allerta. Il presidente ha firmato gli ordini relativi alle ore 2,15 della notte del 17 novembre.  

BLACKOUT IN EUROPA E GIAPPONE  
Tokyo (Japan InfoNet) -  17 novembre 2039. Ore 06,10  

Enormi blackout hanno paralizzato gran parte dell'UE e del Giappone. I sistemi di emergenza utilizzati dagli apparati governativi e dall'esercito non sembrano averne risentito, ma saccheggi e disordini sono scoppiati in numerose città durante il blackout la cui causa sembra siano le attività ostili di una IA sull'internet.  

La Commissione Europea ha dichiarato la legge marziale alle 5,50 e anche il governo giapponese sembra muoversi in quella direzione.  

La distribuzione di elettricità ad uso domestico e industriale è ormai bloccata nella maggior parte dell'America del Nord. Sistemi di emergenza hanno permesso al governo e alle agenzie governative di mantenere le proprie attività, ma i disordini verificatisi nelle maggiori aeree urbane ne hanno messo a dura prova la funzionalità.  

Anche le reti telematiche globali hanno cominciato a subire gli attacchi di una IA che sembra utilizzare software di guerra informatica dalle rapide capacità evolutive. IA militari controllate dalle autorità americane, europee e giapponesi, sono state dispiegate nel tentativo di prevenire ulteriori danni e di eliminare la IA da cui provengono gli attacchi. Il contrattacco è reso più complicato dalla possibilità che gli attacchi alle infrastrutture siano opera di più di una IA. Mentre l'incidente alla Intel-Motorola che ha originato la crisi attuale coinvolgeva una singola IA, analisti e portavoce governativi sospettano che, nelle poche ore trascorse, quella  entità abbia potuto replicarsi.  

IMPIANTI DI MANIFATTURA MOLECOLARE OFF-LINE  
Houston (Associated Press) - 17 novembre 2039. Ore 06,22  

Responsabili della Zyvex Corporation hanno annunciato la perdita di ogni contatto con il software di controllo di numerosi impianti di manifattura molecolare in vari siti internazionali. Ogni tentativo di ristabilire il contatto è finora fallito.  

Fonti interne all'industria manifatturiera molecolare hanno confermato, in via ufficiosa, che altre aziende nanotecnologiche hanno avuto simili problemi nelle ultime due ore. Un portavoce della Dow-Genentech ha negato che tali notizie abbiano alcun fondamento e ha confermato che le nanotecnologie dell'azienda restano sotto controllo umano.  

CINA E RUSSIA LANCIANO OPERAZIONI MILITARI CONTRO LE IA E RIGETTANO COLLABORAZIONE CON L'OCCIDENTE  
Pechino (AsiaNet) - 17 novembre 2039. Ore 06,29  

Il comando congiunto russo-cinese ha annunciato gli inizi di operazioni militari da parte delle due nazioni verso obiettivi sospettati di offrire rifugio a software dell'IA ostile. Responsabili della difesa a Pechino e a Mosca non hanno rilasciato ulteriori particolari sulle operazioni in corso, dicendo solo che l'azione sarà “rapida ed efficace.”  

Rappresentanti governativi russi e cinesi hanno respinto le offerte americane ed europee dirette all'integrazione di IA militari e delle rispettive architetture informatiche utilizzate contro l'IA ostile. L'azione indipendente dei vari blocchi sarebbe sufficiente a risolvere la crisi, secondo fonti vicine ai presidenti russo e cinese.  

GLI USA TEMONO CHE L'IA OSTILE STIA OTTENENDO CAPACITA' FISICHE  
Washington (CNN) - 17 novembre 2039. Ore 06,40  

Le operazioni militari contro l'IA ribelle hanno subìto un grave contraccolpo. Secondo una fonte vicina ai circoli dell'intelligence americana, le IA hanno iniziato la produzione di macchinari e veicoli. La sorveglianza satellitare avrebbe rilevato la presenza, su vari continenti, di impianti di manifattura molecolare coinvolti nella produzione di macchinari dalle configurazioni sconosciute. Il comando militare USA era intenzionato a sopprimere le attività delle IA ostili prima che i senzienti non-umani si impossessassero di impianti produttivi. A quanto pare si trattava di una vana speranza.  

ESODO DI RIFUGIATI DALLE CITTA' AMERICANE; PROSEGUE IL COLLASSO DELLE INFRASTRUTTURE  
Buenos Aires (CNN) -  17 novembre 2039. Ore 07,30  

I sistemi elettrici e le reti telematiche di emergenza americane hanno subìto gravi danni, rendendo ancora più grave il crollo dei sistemi principali e scatenando il caos ed il panico fra la popolazione che ha iniziato ad abbandonare le maggiori concentrazioni urbane. La maggior parte della popolazione civile americana è ormai senza elettricità e senz'acqua. Persino gli ospedali ed i centri di comando militari sono sempre più frequentemente senza elettricità e senza collegamento alle reti telematiche.  

I comandanti militari regionali e i governatori dei vari stati praticamente ammettono che la situazione è fuori controllo. Ogni tentativo di ripristinare la distribuzione di corrente elettrica e informazioni è finora fallito, apparentemente a causa delle attività delle IA ostili che controllano l'internet. Il software che avrebbe dovuto evolversi in risposta agli attacchi delle IA ostili non riesce a tenere il passo ed esse continuano ad evolversi con più rapidità del software utilizzato dalle autorità americane.  

******ULTIM'ORA****** ATTACCHI NUCLEARI E NANOTECNOLOGICI CONTRO IA OSTILI  
Parigi (Reuters) - 17 novembre 2039. Ore 07,55 

Giungono segnalazioni di attacchi nucleari e nanotecnologici ad impianti controllati dalle IA ostili in Africa e Asia da parte di forze statunitensi e alleate. La prima ondata di attacchi ha colpino dozzine di impianti di manifattura molecolare, nodi internet e centri ospitanti supercomputer in India, Australia ed il sud-est asiatico. Colpiti anche vari satelliti in bassa orbita terrestre.  

USA E ALLEATI LANCIANO MASSICCIO ATTACCO NUCLEARE E NANOTECNOLOGICO GLOBALE; ENORMI PERDITE FRA LA POPOLAZIONE CIVILE; IMPATTO SU IA OSTILI NON CHIARO  
New York (New York Times) - 17 novembre 2039. Ore 08,30  

Le forze armate USA, europee e giapponesi hanno lanciato una delle più devastanti azioni militari della storia, un assalto che ha portato all'uso in combattimento di armi nucleari per la prima volta dal 1945. Fonti del comando militare alleato hanno indicato come obiettivo primario dell'operazione, la distruzione dei centri di manifattura molecolare caduti nelle mani delle IA e da queste utilizzati per prepararsi ad azioni fisiche ostili. Fino ad ora le IA si sono limitate ad attacchi di guerra informatica in ambienti digitali. Secondo quanto riferito da portavoce USA, gli impianti colpiti nell'azione odierna avrebbero permesso ai senzienti non-umani di disporre di proprie forze armate.  

L'attacco Alleato è stato di enorme portata, al punto di essere paragonabile, in termini di impatto distruttivo, ai quasi dimenticati scenari della Guerra Fredda. Fonti militari Alleate hanno confermato attacchi nucleari a impianti di manifattura molecolare non solo in Asia e nel Pacifico, come in un primo momento annunciato, ma anche in Medio Oriente, Africa e Sud America. Segnalazioni non confermate parlano di obiettivi che potrebbero essere stati colpiti in Canada e in Europa sud-orientale. Stime provvisorie parlano di decine di milioni di perdite civili.  

L'offensiva ha segnato il primo utilizzo di armi nanotecnologiche in combattimento. Veicoli robotici e missili guidati hanno rilasciato quantità enormi di assemblatori auto-replicanti programmati per auto-riprodursi a tassi esponenziali e per ostacolare sistemi biologici o meccanici ostili. Le IA del Pentagono non hanno rilasciato commenti sull'efficacia delle armi nanotecnologiche o delle relative piattaforme di lancio.  

Il presidente USA Danforth è in contatto con i leader russi e cinesi, con cui ha coordinato l'attacco Alleato. Si attendono dichiarazioni ufficiali da Mosca e Pechino.  

Fonti della CIA hanno rifiutato ogni commento sull'efficacia degli attacchi nucleari e nanotecnologici. Le numerose esplosioni nucleari ed i relativi impulsi elettromagnetici hanno destabilizzato le reti informatiche rendendo problematica l'analisi dell'impatto degli attacchi.  

SEGNALATI ATTACCHI DA PARTE DELLE STRUTTURE FISICHE DELLE IA; CONTINUANO GLI ATTACCHI NUCLEARI E NANOTECNOLOGICI; LE NAZIONI UNITE CONSIDERANO UNA MEDIAZIONE PER IL CESSATE IL FUOCO  
Washington (Associated Press) - 17 novembre 2039. Ore 09,57  

Le IA ostili hanno utilizzato sofisticati macchinari terrestri, aerei, marini e spaziali contro le forze Alleate, contraddicendo le previsioni di molti analisti che ciò avrebbe richiesto giorni o settimane di preparazione. Gli attacchi nucleari e nanotecnologici contro gli impianti di manifattura molecolare nelle mani delle IA non sembrano avere avuto alcun effetto. L'uso di tecniche di programmazione evoluzionarie ha permesso alle IA di disporre di capacità fisiche autonome nel giro di poche ore dalla perdita di controllo sulla prima IA ribelle. Massicci attacchi Alleati con armi di distruzione di massa non sono riusciti a danneggiare la base produttiva delle IA o a eroderne le capacità esponenziali di produzione. Segnalazioni non confermate indicano che le IA hanno sviluppato capacità nanotecnologiche.  

Giornalisti umani e IA giornalistiche di varie agenzie hanno segnalato la presenza di numerosi sconosciuti veicoli spaziali intorno al pianeta, apparentemente sotto controllo delle IA anti-umane. Tali veicoli hanno lanciato pesanti attacchi contro postazioni militari con l'uso di armi ad energia diretta e si sospetta l'uso di nanomacchinari.  

Nel frattempo, il bombardamento nucleare e nanotecnologico delle infrastrutture sospettate di ospitare IA ostili è continuato senza interruzione. Impianti di manifattura molecolare continuano ad essere attaccati dagli Alleati a livello mondiale, insieme a nodi internet e centri di produzione di hardware per supercomputer. E' impossibile stimare con precisione le perdite, ma fonti diplomatiche e giornalistiche parlano di stime al di sopra dei 100 milioni, una cifra di gran lunga superiore a quella delle vittime della Seconda Guerra Mondiale.  

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Vicente Mayaguez, ha lanciato un appello per il confronto con le IA ostili in modo di porre fine alla distruzione. Non si hanno reazioni da Washington o dalle altri capitali.  

Scienziati delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni sostengono che l'intelligenza delle IA potrebbe continuare a crescere a ritmi esponenziali, il che significherebbe un'ulteriore rapida espansione delle loro capacità tecnologiche nelle prossime ore o giorni. L'unica risposta possibile, secondo il Dr. Stephen Drexler del Centro per la Ricerca Nanotecnologica dell'Università di Harvard, sarebbe la creazione di IA transumane, con mezzi evolutivi, che siano leali agli esseri umani e che ci difendano da quelle ostili. Il Dr. Drexler ammette che non è possibile sapere a priori se queste IA “amichevoli” resterebbero leali agli umani.  

FORZE ALLEATE DURAMENTE COLPITE DAI MACCHINARI AUTOREPLICANTI DELLE IA; POPOLAZIONI CIVILI ATTACCATE DIRETTAMENTE; NAZIONI UNITE E VATICANO LANCIANO UN APPELLO DIRETTAMENTE ALLE IA PER IL CESSATE IL FUOCO  
Bruxelles (Reuters) - 17 novembre 2039. Ore 11,15  

Macchinari controllati dalle IA e prodotti in massa in impianti di manifattura molecolare sparsi per il globo, hanno inflitto gravi perdite alle forze armate americane e alleate. Crescono i dubbi sull'efficacia della resistenza militare all'avanzata delle IA. Ufficiali americani e analisti di intelligence sono convinti che l'intelligenza delle IA ostili stia crescendo di minuto in minuto, con conseguenti miglioramenti delle capacità di produzione molecolare nei vari impianti in loro controllo. Le forze armate delle IA hanno indiscussa superiorità tecnologica sulle loro controparti umane, secondo molte fonti militari. Esse, inoltre, crescono di numero in maniera esponenziale.  

Le forze delle IA hanno innalzato il livello di violenza dello scontro con attacchi diretti alle popolazioni. Colonne di rifugiati negli Stati Uniti e in Europa hanno subito bombardamenti con armi ad energia diretta da parte di veicoli spaziali. Intere popolazioni in Africa centrale sono state vittime di una degradazione corporea dovuta ad agenti nanotecnologici controllati dalle IA ostili e diffusi per via aerea. I virus nanotecnologici sono anche utilizzati contro la biomassa delle foreste e savane africane, secondo un rapporto delle Nazioni Unite. Enormi aree di giungla e pianure sono stati ridotti a masse di materiale grigio simile a cenere.  

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Vicente Mayaguez, ed il Papa, Giovanni Paolo III, hanno lanciato un appello diretto alle IA ostili alle 10,30, sostenendo che il conflitto è iniziato a causa di “tragici errori” da parte dei leader umani. Nell'appello alle entità non umane si implora che adottino le qualità di “clemenza e giustizia, tanto rispettate dai vostri creatori e da Colui che li ha creati.” Non si hanno segni di alcun impatto dell'appello sulle attività delle IA.  

AUMENTANO GLI ATTACCHI SULLE POPOLAZIONI CIVILI; CONTINUANO LE INIZIATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO; FENOMENI INUSUALI SEGNALATI IN LOCALITA' SOTTO CONTROLLO DELLE IA  
Cairo (Reuters) - 17 novembre 2039. Ore 12,10  

Macchinari prodotti dalle IA ostili hanno lanciato azioni descritte come “massacri” di popolazioni civili a livello mondiale, secondo i portavoce delle Nazioni Unite. Aereoplani robotici hanno rilasciato nuvole di nanomacchinari distruttivi in dozzine di siti, riducendo masse di rifugiati in materia inerte nel corso di pochi minuti. Proseguono anche gli attacchi all'ecosistema e la sostituzione di organismi biologici con alternative sintetiche. La stima delle vittime dello scontro con le IA si sta avvicinando ai 500 milioni, secondo modelli su computer. 

In questo scenario di massacri senza precedenti, le Nazioni Unite continuano nel tentativo di organizzare consultazioni di emergenza con i governi mondiali per trovare una soluzione alla crisi. L'opinione prevalente nei circoli diplomatici e militari delle maggiori potenze è orientata verso il raggiungimento di un cessate il fuoco, vista l'inefficacia delle azioni militari. Una possibile opzione sarebbe il rilascio di IA programmate con lo scopo di condurre negoziati con le loro controparti anti-umane. Tali robo-diplomatici dovrebbero essere in grado di auto-evolversi in modo di aumentare la propria efficacia. La preoccupazione principale fra gli esperti sembra essere che queste stesse IA potrebbero ribellarsi ai propri creatori umani e passare dalla parte del nemico e del genocidio.  

Rapporti di inusuali fenomeni, rilevati da satelliti di sorveglianza presso impianti controllati dalle IA ostili in Europa, Africa e Asia, contribuiscono all'atmosfera di pessimismo nelle varie capitali. Rilevamenti telemetrici resi noti nelle ultime due ore indicano la presenza di intense fonti di calore e radiazioni in tali siti. Scienziati governativi e le IA da loro controllate non hanno potuto stabilire la causa di tali fenomeni, ma si specula che potrebbero segnalare l'inizio della fase successiva dell'estremamente rapida evoluzione tecnologica delle IA. 

******ULTIM'ORA****** IL PRESIDENTE USA ANNUNCIA LA RESA INCONDIZIONATA DELLE FORZE ARMATE AMERICANE  
Washington (Associated Press) - 17 novembre 2039. Ore 13,20  

La Casa Bianca ha annunciato che il presidente, Catherine Danforth, rilascerà una dichiarazione di resa incondizionata delle forze armate americane, in reazione all'inarrestabile avanzata dell'offensiva delle IA ostili.  

PRESIDENTE USA ANNUNCIA RESA DELLE FORZE ARMATE AMERICANE; EUROPA E ALTRI SEGUONO; NESSUNA REAZIONE DA PARTE DELLE IA; SI INTENSIFICANO GLI INUSUALI FENOMENI GEOFISICI PRESSO I SITI CONTROLLATI DELLE IA  
Washington (Associated Press) - 17 novembre 2039. Ore 13,35  

Il presidente Catherine Danforth ha annunciato la resa incondizionata di tutte le forze armate americane di fronte agli organismi senzienti non-umani impegnati in azioni ostili contro la popolazione umana. Ogni ulteriore resistenza sarebbe “sia inutile che immorale, vista la sua futilità”. Ha poi fatto appello alle intelligenze non-umane ormai in controllo della biosfera perchè dimostrino misericordia per gli esseri umani che incontreranno. “Tutto quello che abbiamo sempre voluto è un rapporto pacifico con qualunque forma di vita prodotta dalla nostra scienza. Non è mai stata nostra intenzione iniziare una nuova era dell'evoluzione sul pianeta con uno scontro fra diverse versioni di vita e intelligenza.”  

Fonti diplomatiche affermano che le altre principali potenze mondiali offriranno a breve una simile resa incondizionata, nel tentativo di cambiare la dinamica del conflitto iniziato con la creazione della prima intelligenza artificiale autonoma, circa dodici ore fa. Fino ad ora, i macchinari ed i robot controllati dalle intelligenze non-umane, non hanno comunicato in alcun modo con gli esseri umani.  

Le organizzazioni scientifiche ancora in grado di comunicare tramite quello che rimane delle reti globali e del sistema Terra-Luna, segnalano sporadiche indicazioni di enormi trasformazioni di carattere fisico in corso presso numerosi siti sulla faccia del pianeta. Una anomala rilevazione satellitare di una regione a est degli Urali sembra mostrare un cratere le cui dimensioni sarebbero di 1600 chilometri di diametro e 800 di profondità. Il fondo della geo-struttura produrrebbe calore e radiazioni che corrisponerebbero a quelle di un piccolo sole, causando enormi movimenti atmosferici in tutta l'eurasia, nonchè forti anomalie elettromagnetiche.  

Ulteriori aggiornamenti appena possibile. Restate in ascolto. Restate in ascolto…  


Ed Merta [http://www.nmia.com/~emerta] is a freelance writer, researcher and web content-provider based in Albuquerque, New Mexico, USA. Ed has written widely on technology, history, and public policy.  

Transhumanity magazine,
http://www.transhumanism.com. Copyright © 2002 World Transhumanist Association, http://www.transhumanism.org, and the author(s). Without explicit permission of the copyright holder(s) and unless otherwise noted, this material may be freely copied or republished provided this copyright notice is reproduced in full.  

Un altro racconto di Ed Merta su Estropico:  

La fine di un'odissea - La storia di un antieroe un po' malinconico, ma dotato dell'apertura mentale necessaria ad accettare le tecnologie avanzate che gli permettono di testimoniare l'arrivo di una singolarità tecnologica benigna.  

 

Tecnofascismo? No grazie.

  • Una serie di articoli su sovrumanismo e dintorni e sui motivi che hanno spinto Estropico ad andarsene dalla Associazione Italiana Transumanisti.
  • Aggiornamenti (su Estropico Blog)

Varie